Per capire cos’è il BIM è fondamentale comprendere cosa non è. Se da un lato esploriamo il mondo del 3D, dell’altro gettiamo le fondamenta necessarie per far chiarezza sull’innovativa metodologia del Building Information Modeling e le sue principali differenze con il software CAD.

Il CAD e la progettazione 3D

Il CAD è comparso negli studi di progettazione da ormai trent’anni e ha imposto fin da subito cambiamenti tecnici, facendo diventare le operazioni sempre più veloci. Si tratta infatti di una progettazione in grado di creare digitalmente disegni 2D e modelli 3D di prodotti, prima che siano mai stati fabbricati. 

Tuttavia se da un lato il CAD 3D permette di condividere, esaminare, simulare e modificare progetti in modo semplice, dall’altro impone una metodologia di disegno e, quindi di progetto, precisa, che condiziona significativamente il progettista. Proprio per questa ragione il 3D nel CAD può essere sviluppato solo quando le idee sono ben chiare, perché ogni modifica presuppone una dispendiosa azione distruttiva/ricostruttiva.

Progettazione BIM e CAD sono la stessa cosa?

Il termine BIM (Building Information Modeling) identifica generalmente i CAD 3D architettonici di nuova generazione, che non si limitano al disegno di elementi grafici semplici, ma consentono di progettare disegnando i componenti tecnici dell’edificio.

Il BIM si può identificare come un’evoluzione del CAD. La differenza tra i due non consiste semplicemente nella modellazione 3D, ma in un nuovo modo di intendere la progettazione. Infatti, mentre il modello CAD è una delle tante rappresentazioni del progetto, il modello BIM è il progetto stesso. È un metodo di progettazione collaborativo basato sull’integrazione. I diversi attori coinvolti nella realizzazione di un’opera possono, infatti, arricchire il modello informativo, inserire, estrarre, aggiornare o modificare informazioni.

Un modo completamente nuovo di concepire la progettazione

Il Building Information Modelling non è quindi solo un software, ma una vera e propria metodologia che consente di generare un modello digitale nel suo complesso.

Come spiegato dettagliatamente nel nostro articolo Diffusione BIM in Europa: a che punto siamo? è una delle 10 tecnologie più promettenti per il settore delle costruzioni. È in grado di ridurre tutti gli ostacoli al cambiamento, invertendo la tendenza in atto e, a differenza del CAD, è più che una rappresentazione tridimensionale del progetto.

Grazie al BIM è possibile creare un prototipo virtuale di un edificio con un modello dinamico che contiene una serie di informazioni su geometria, materiali, strutture portante, impianti, costi, sicurezza ecc. Migliora e amplia la gestione dei dati e permette ai progettisti di lavorare secondo un approccio collaborativo, condividendo le scelte tecniche, rilevando e risolvendo eventuali incongruenze ed errori fin dalle prime fasi.

Il BIM non è quindi solo un modello 3D, il 3D è una parte importante e fondamentale, ma a cui va aggiunta una componente che spesso si tende a dimenticare: i dati strutturati e condivisi. 

SKEINBIM®

Scopri le peculiarità della realizzazione dei nostri oggetti BIM e di come gestiamo i disciplinari presenti nei vari settori.

Clicca e richiedi maggiori informazioni